Bietola, bieta, erbette e coste: un ortaggio, molteplici nomi

Indice dei contenuti

La bietola, conosciuta anche come bieta, è una verdura a foglia verde appartenente alla famiglia delle Chenopodiaceae. Le due varietà di bieta più utilizzate sono la bieta a coste (semplicemente “coste” al Nord) di cui si consumano anche i gambi e la bieta a foglie larghe, anche nota come bieta erbetta (detto “erbette” al Nord Italia).

Botanicamente, la bietola o bieta (Beta vulgaris) appartiene alla stessa specie delle barbabietole, rendendola una stretta parente sia delle barbabietole rosse che di quelle da zucchero. Tuttavia, a differenza delle sue cugine, della bietola si consumano principalmente le foglie e le coste.

Nonostante sia presente sul mercato dalla primavera fino inizio inverno, giugno è il mese ideale per questa verdura a foglia verde.

Varietà di bieta

  • 1. Bieta a coste (coste)

Questa varietà si distingue per le sue foglie grandi e larghe con una nervatura centrale che conferisce il nome “coste”.

Le foglie sono robuste e croccanti, rendendole adatte a molte preparazioni. La varietà più conosciuta è la bieta a coste bianche, ma esistono anche specie con coste rosse o gialle che aggiungono un tocco in più di colore ai piatti.

Delle coste si consumano anche i gambi e vengono cotte al vapore, saltate in padella o utilizzate in zuppe e minestre.

  • 2. Bieta a foglie larghe (erbette)

Stagionalità

Generalmente da inizio Maggio a fine Novembre. Tuttavia la stagionalità può variare leggermente a seconda della regione e del clima locale.

Benefici e proprietà nutrizionali

Indipendentemente dalla varietà, le bietole sono ricche di vitamine A, C, E e K, e di minerali come magnesio, potassio e ferro. L’alto contenuto di fibre favorisce una buona digestione, estremamente diuretico e lassativo.

A causa dell’elevato contenuto di acido ossalico, le biete non sono adatte proprio a tutti: controindicato per chi ha calcoli da ossalati o carenze di calcio.

Che cos’è l’acido ossalico?

L’acido ossalico è un composto organico presente in molti alimenti fra cui bietole, spinaci, cioccolato, barbabietole, rabarbaro, cavoli e cereali integrali. Viene considerato un fattore antinutrizionale a causa dei suoi effetti sull’assorbimento dei minerali.

Una volta ingerito, l’acido ossalico si combina con diversi minerali presenti negli alimenti, come ferro, magnesio e soprattutto calcio, formando sali insolubili chiamati ossalati. Questi ossalati impediscono l’assorbimento dei minerali, riducendone la disponibilità per l’organismo.

Quando l’acido ossalico si combina con il calcio, forma l’ossalato di calcio, un sale insolubile che tende a precipitare sotto forma di cristalli. Questi cristalli possono accumularsi nelle vie urinarie, formando i calcoli renali.

Per prevenire i disturbi associati ai calcoli renali da ossalati, è importante seguire una dieta che limiti l’assunzione di acido ossalico a non più di 100 mg al giorno.

Alimenti ad alto contenuto di acido ossalico

  • Spinaci: 750-800 mg per 100 g
  • Bietole: 610 mg per 100 g
  • Rabarbaro: 500 mg per 100 g
  • Barbabietole: 675 mg per 100 g
  • Amaranto: 450 mg per 100 g
  • Cacao e cioccolato: 500-600 mg per 100 g
  • Noci: 400-600 mg per 100 g
  • Prezzemolo: 170 mg per 100 g

Alimenti a medio contenuto di acido ossalico

  • Cavolo: 90 mg per 100 g
  • Cereali integrali: 200-300 mg per 100 g
  • Peperoni: 40-50 mg per 100 g
  • Pomodori: 5-10 mg per 100 g

Alimenti a basso contenuto di acido ossalico

  • Lattuga: 2-5 mg per 100 g
  • Cipolle: 1-5 mg per 100 g
  • Broccoli: 0-5 mg per 100 g
  • Banane: 0-5 mg per 100 g
  • Latte e derivati: 0-2 mg per 100 g

Valori nutrizionali della bietola

Ecco i valori nutrizionali per 100 grammi di bietole fresche:

  • Calorie: 19 kcal
  • Grassi: 0,2 g
    • di cui Grassi saturi: 0,04 g
  • Carboidrati: 3,7 g
    • di cui Zuccheri: 1,1 g
  • Proteine: 1,8 g
  • Fibre: 1,6 g

Vitamine

  • Vitamina A: 6116 IU (122% della dose giornaliera raccomandata)
  • Vitamina C: 30 mg (50% della dose giornaliera raccomandata)
  • Vitamina K: 830 µg (692% della dose giornaliera raccomandata)
  • Vitamina E: 1.89 mg (9% della dose giornaliera raccomandata)
  • Folati (Vitamina B9): 14 µg (4% della dose giornaliera raccomandata)

Minerali

  • Potassio: 379 mg (11% della dose giornaliera raccomandata)
  • Calcio: 51 mg (5% della dose giornaliera raccomandata)
  • Magnesio: 81 mg (20% della dose giornaliera raccomandata)
  • Ferro: 1.8 mg (10% della dose giornaliera raccomandata)
  • Fosforo: 46 mg (5% della dose giornaliera raccomandata)
  • Sodio: 213 mg (9% della dose giornaliera raccomandata)

Nota importante

Le seguenti informazioni sono indicative e di carattere generale; non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per assicurarsi un’alimentazione sana ed equilibrata, è sempre bene seguire i consigli del proprio nutrizionista o medico curante.


Per tutta l’estate


Per ogni mese dell’anno