Marmellata, Confettura e Composta: le differenze

E’ mattino presto, ti sei appena svegliato e decidi di preparare una buona colazione. Inizi a preparare il caffè e prima che sia pronto, apri il frigo per prendere la tua marmellata preferita alle albicocche, perfetta da gustare con le fette biscottate o su una fetta di pane tostato.

Ma… sei proprio sicuro di aver mai assaggiato una marmellata di albicocche? La risposta è NO, perché semplicemente non esiste! In realtà si può definire marmellata solo se è di agrumi.

Differenze tra marmellata, confettura e composta

Sperando di fare cosa buona e gradita, cerchiamo di fare chiarezza sulle differenze tra marmellata, confettura e composta.

In un mondo che neanche per Wikipedia è così ben chiaro nel definire tali differenze, come punto di riferimento abbiamo preso la normativa dell’Unione Europea (2001/113/CE) e il Decreto Ministeriale (209 del 27/02/1996) dalle quali si evince:

Le composte hanno una quantità di frutta superiore rispetto alle marmellate e confetture. E’ importante soffermarsi a leggere bene l’etichetta e preferire conserve di frutta a base di pectina naturale anziché di gelatina (animale).

Che cos’è la pectina?

La pectina è una sostanza naturale, appartenente alla famiglia dei carboidrati (zuccheri), che si trova principalmente nella frutta e nella verdura, in particolar modo nelle mele, prugne, agrumi ed uva spina. Nell’ambito industriale assume la denominazione di E440.

A contatto con lo zucchero o sostanza acida (come il succo di limone), se riscaldata, si trasforma in un gel il cui ruolo principale è dare consistenza alle marmellate e alle conserve.

Il motivo per il quale si ottengono marmellate di consistenza ottimale è determinato proprio dalla diversa concentrazione di pectina presente nella frutta. Per questo una bassa quantità porterà ad ottenere marmellate piuttosto liquide, rendendo così necessaria l’aggiunta di pectina in polvere o di altri frutti che ne sono particolarmente ricchi (mele cotogne e bucce di agrumi).

La pectina è nociva per il nostro organismo?

Assolutamente no! Anzi ha delle interessanti virtù salutari. Le sue proprietà gelificanti ed emollienti consentono di regolarizzare le funzioni intestinali. Ha la capacità di intrappolare gli zuccheri, rallentando l’assorbimento nell’intestino e avendo così un ruolo fondamentale per la prevenzione del diabete di tipo II e dell’ipertrigliceridemia.

Inoltre, è un farmaco naturale in grado di assorbire il colesterolo riducendo e prevenendo l’insorgere di alcune malattie cardiovascolari quali per esempio aterosclerosi, cardiopatia ischemica, infarto miocardico e ictus.

Notizie & Curiosità

Ricette, rimedi naturali, notizie e curiosità agroalimentari. Una guida sugli ingredienti, un richiamo ai sapori autentici e un’occasione per esplorare la cucina in tutte le sue sfumature.

Prodotti naturali

Olio extravergine di oliva di categoria superiore estratto a freddo.

Olio EVO italiano

Prodotti ittici siciliani lavorati rigorosamente a mano nel rispetto del mare e dei metodi di pesca.

Prodotti Ittici

Le conserve e composte artigianali realizzate con prodotti di stagione e lavorate rigorosamente a mano senza l'impiego di conservanti.

Sottoli, Sughi e Conserve

le composte naturali

Composte naturali

Saponi, creme e cosmetici naturali all'olio di oliva

Saponi e Creme
all’Olio di Oliva

5% di sconto
solo per te

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.